Recensione filtri fotografici Haida


Valuta questo articolo

Oggi vi parlerò dei filtri fotografici Haida, filtri che alcuni di voi, probabilmente, ancora non conoscono; per farlo ho pensato di iniziare dalla mia esperienza personale in fatto di filtri fotografici, con l’intento di rendere più chiare e comprensibili le mie idee e valutazioni.

Circa sei anni fa decisi di acquistare dei filtri a lastra da portarmi in viaggio per le foto paesaggistiche. Dopo essermi informato sulle offerte di mercato e aver analizzato i vari pro e contro di tutti i modelli, scelsi di optare per i filtri Lee e i filtri Formatt-Hitech, sicuramente due tra le migliori, e più costose, marche del settore.

Filtri Lee digradanti a lastra

(Immagine www.leefilters.com)


Dopo averli utilizzati per circa un anno rimasi molto colpito dalla qualità dei filtri neutri digradanti (o graduali) di entrambi le marche, ma profondamente deluso dalle immagini catturate tramite il filtro Formatt-Hitech Pro Stop 10 ND, un particolare filtro-neutro in grado di togliere ben 10 stop di luce (utilizzato, ad esempio, per rendere l’acqua particolarmente ‘setosa’, o per altri effetti creativi come il-movimento-degli-alberi-mossi-dal-vento).

Tutti gli scatti effettuati con questo filtro presentavano una forte dominante-blu la quale, benchè eliminabile in post produzione, alterava i colori della foto con relativa perdita di informazioni.

 filtro-hitech-nd1000-no-pp

(Foto scattata con filtro Hitech ND1000 senza post produzione)

 

(Foto scattata con filtro Hitech ND1000 con impostato solo punto di grigio tramite curve - nessuna differenza visibile)

 

Inoltre con il passar del tempo trovavo i filtri a lastra sempre più scomodi, soprattutto quando non avevo troppo tempo per scattare. Seppur ottimi, a mio parere, decisi comunque di vendere entrambi i kit, Lee e Hitech, per passare a una soluzione più comoda. Dopo qualche  ora di ricerca trovai su Amazon il Filtro Haida neutro Slim PRO II MC ND1000 a strati multipli con montaggio a vite, al costo di circa 50 euro. Dopo una breve ricerca sul web, soprattutto su siti internazionali, mi convinsi ad acquistarlo nonostante, al tempo, la Haida fosse una marca semi-sconosciuta in Italia.

Filtro Haida ND1000 - equivalente a 10 stop

(Immagine www.haidaphoto.com)

 

Mi sono entusiasmato sin dal primo test: un filtro da 10 stop con qualità superba e, soprattutto, leggerissima dominante magenta!

filtro-haida-nd1000-no-pp

(Foto scattata con filtro Haida ND1000 senza post produzione)

 

filtro-haida-nd1000-no-pp2

(Foto scattata con filtro Haida ND1000 con impostato solo punto di grigio tramite curve - colori neutralizzati correttamente)

Tre anni dopo ho iniziato a cercare altri filtri ND a densità più bassa, scoprendo che Haida, proprio in quegli anni, aveva fatto passi da gigante risultando, a tutt’oggi uno dei filtri più utilizzati dai professionisti del settore. Interessante anche il filtro Haida Slim NanoPro Clear-Night il quale, riuscendo a eliminare l’inquinamento luminoso dagli scatti notturni, viene sovente utilizzato per scatti con cielo stellato.

I filtri Haida sono disponibili sia con attacco classico a vite che nella versione a lastra tramite holder.

2016040709345651

(Immagine www.haidaphoto.com)

Se state cercando sul mercato buoni filtri ad un prezzo vantaggioso il mio consiglio è quello di orientarsi sui filtri Haida. Non vi deluderanno.  

 

Vi lascio qualche link nel caso in cui voleste vedere qualche altro esempio di scatto:

Sito ufficiale: http://www.haidaphoto.com

 

E voi avete esperienza con i filtri fotografici Haida?


Commenti